I luoghi della Passione
Passione Vivente
» ALBEROBELLO
» GINOSA
I Riti Processionali
» ANDRIA
» BISCEGLIE
» BITONTO
» BOTRUGNO
» CANOSA DI PUGLIA
» CASTELLANA GROTTE
» CONVERSANO
» CORATO
» FRANCAVILLA FONTANA
» GALATINA
» GALLIPOLI
» GRECIA SALENTINA
» GROTTAGLIE
» MOLFETTA
» MONTE SANT'ANGELO
» NOICATTARO
» PULSANO
» RUVO DI PUGLIA
» SAN MARCO IN LAMIS
» TARANTO
» TROIA
» VALENZANO
» VICO DEL GARGANO
Gli Itinerari
> IL GARGANO E LA DAUNIA
> LA PUGLIA IMPERIALE
> BARI E LA COSTA
> LA MAGNA GRECIA
> IL SALENTO
 
Editoria
GUIDA AGLI EVENTI PASQUALI

GUIDA AGLI EVENTI PASQUALI
 
MOLFETTA E IL SUO VENERDI SANTO

MOLFETTA E IL SUO VENERDI SANTO
 
DE PASSIONE DOMINI NOSTRI JESU CHRISTI SECUNDUM MELPHICTAM

DE PASSIONE DOMINI NOSTRI JESU CHRISTI SECUNDUM MELPHICTAM
 
>IL VENERDI' SANTO A VICO DEL GARGANO IL VENERDI' SANTO
A VICO DEL GARGANO
scarica pdf
 

La Puglia dei Sapori

Un vero
e proprio viaggio enogastronomico
alla riscoperta dei
sapori rustici ed
antichi che la
nostra storia
culinaria ha voluto
si conservassero
fino a oggi:
questo è ciò che
regala agli amanti
della buona
cucina il periodo
pasquale in
Puglia.

Un mondo fatto di emozioni e sapori genuini nati dalla passione per la terra e dall’amore verso le proprie origini, risalenti al periodo in cui i Normanni prima e in seguito Federico II di Svevia si  innamorano perdutamente delle bellezze di questa terra. I piatti e soprattutto i dolci che si preparano nei giorni della Settimana Santa, sono veramente infiniti.

Per ciò che riguarda i piatti principali, a parte l’agnello tradizionale e le uova, molti di essi hanno come elemento portante il binomio mare terra che caratterizza quasi tutti i piatti del periodo pasquale: fondamentalmente povera i piatti tradizionali rispecchiano in modo particolare il carattere dei suoi abitanti. Infatti, trattandosi di una regione povera, la “genialità” dei suoi abitanti si è manifestata nell’uso che si poteva fare dei prodotti che terra e mare offrivano.

Grano, pasta, olive, vite, erbe aromatiche, pomodori, pesce e frutti di mare, mandorle, combinati spesso fra loro, hanno dato, origine ai caratteristici piatti che arricchiscono la gastronomia del periodo pasquale nei quali frugalità e parsimonia non erano, specie nel passato, una scelta volontaria ma il risultato di una povertà antica, che si scontrava con la ricchezza dell’aristocrazia dei dominatori o con quella delle cucine dei palazzi della borghesia.

Si tratta comunque di cibi che nella maggioranza dei casi rivestono un forte valore metaforico e che richiamano nella forma o nella composizione un elemento importante dell’immaginario simbolico. Come accade nel Salento durante il Venerdi’ santo con i “cavatelli al vincotto” dove il color rosso mattone della pasta fatta in casa lavorata con vincotto bollente rievoca il sangue di Cristo che gronda dalla croce , piatto che si consuma a pranzo o a cena, per dovozione.

Nel barese i piatti tradizionali sono a base di pesce insieme alla focaccia farcita “u’ calzòene” a base di cipolla e merluzzo oppure "u pizzaridd" panino farcito di tonno, capperi e olio extravergine di oliva mentre sul Gargano, "la paposcia" di Vico del Gargano e le orecchiette con le noci insieme all’insalata di arance, sono i protagonisti della tavola garganica.


www.pugliautentica.it
Enit Rai PugliaAeroporti di Puglia