I luoghi della Passione
Passione Vivente
» ALBEROBELLO
» GINOSA
I Riti Processionali
» ANDRIA
» BISCEGLIE
» BITONTO
» BOTRUGNO
» CANOSA DI PUGLIA
» CASTELLANA GROTTE
» CONVERSANO
» CORATO
» FRANCAVILLA FONTANA
» GALATINA
» GALLIPOLI
» GRECIA SALENTINA
» GROTTAGLIE
» MOLFETTA
» MONTE SANT'ANGELO
» NOICATTARO
» PULSANO
» RUVO DI PUGLIA
» SAN MARCO IN LAMIS
» TARANTO
» TROIA
» VALENZANO
» VICO DEL GARGANO
Gli Itinerari
ILGARGANOELADAUNIA
LAPUGLIAIMPERIALE
BARIELACOSTA
LAMAGNAGRECIA
ILSALENTO
 
Editoria
Guida agli eventi della<br />Settimana Santa in Puglia<br /><br />Copie esaurite in attesa di ristampa

Guida agli eventi della
Settimana Santa in Puglia

Copie esaurite in attesa di ristampa
 
MOLFETTA E IL SUO VENERDI SANTO

MOLFETTA E IL SUO VENERDI SANTO
 
DE PASSIONE DOMINI NOSTRI JESU CHRISTI SECUNDUM MELPHICTAM

DE PASSIONE DOMINI NOSTRI JESU CHRISTI SECUNDUM MELPHICTAM
 
IL VENERDI' SANTO A VICO DEL GARGANO IL VENERDI' SANTO
A VICO DEL GARGANO
scarica pdf
La Memoria dei Gesti nei Sepolcri LA MEMORIA DEI GESTI NEI SEPOLCRI
DI VICO DEL GARGANO
scarica pdf
 

Enit

Rai Puglia

Aeroporti di Puglia

Un vero e proprio viaggio enogastronomico alla riscoperta dei sapori rustici ed antichi che la nostra storia culinaria ha voluto si conservassero fino a oggi: questo è ciò che regala agli amanti della buona cucina il periodo pasquale in Puglia.

Un mondo fatto di emozioni e sapori genuini nati dalla passione per la terra e dall’amore verso le proprie origini, risalenti al periodo in cui i Normanni prima e in seguito Federico II di Svevia si  innamorano perdutamente delle bellezze di questa terra. I piatti e soprattutto i dolci che si preparano nei giorni della Settimana Santa, sono veramente infiniti.

Per ciò che riguarda i piatti principali, a parte l’agnello tradizionale e le uova, molti di essi hanno come elemento portante il binomio mare terra che caratterizza quasi tutti i piatti del periodo pasquale: fondamentalmente povera i piatti tradizionali rispecchiano in modo particolare il carattere dei suoi abitanti. Infatti, trattandosi di una regione povera, la “genialità” dei suoi abitanti si è manifestata nell’uso che si poteva fare dei prodotti che terra e mare offrivano.

Grano, pasta, olive, vite, erbe aromatiche, pomodori, pesce e frutti di mare, mandorle, combinati spesso fra loro, hanno dato, origine ai caratteristici piatti che arricchiscono la gastronomia del periodo pasquale nei quali frugalità e parsimonia non erano, specie nel passato, una scelta volontaria ma il risultato di una povertà antica, che si scontrava con la ricchezza dell’aristocrazia dei dominatori o con quella delle cucine dei palazzi della borghesia.

Si tratta comunque di cibi che nella maggioranza dei casi rivestono un forte valore metaforico e che richiamano nella forma o nella composizione un elemento importante dell’immaginario simbolico. Come accade nel Salento durante il Venerdi’ santo con i “cavatelli al vincotto” dove il color rosso mattone della pasta fatta in casa lavorata con vincotto bollente rievoca il sangue di Cristo che gronda dalla croce , piatto che si consuma a pranzo o a cena, per dovozione.

Nel barese i piatti tradizionali sono a base di pesce insieme alla focaccia farcita “u’ calzòene” a base di cipolla e merluzzo oppure "u pizzaridd" panino farcito di tonno, capperi e olio extravergine di oliva mentre sul Gargano, "la paposcia" di Vico del Gargano e le orecchiette con le noci insieme all’insalata di arance, sono i protagonisti della tavola garganica.